"Alcune informazioni turistiche"

In un piccolo fazzoletto di terra, troviamo un pò di tutto, grotte e faglie, sorgenti termali e favare (emissioni naturali di vapore acqueo), altipiani e laghi vulcanici. L'isola è varia ma soprattutto bella. Di una bellezza che ti conquista subito per via di queste rocce scure che si nascondono dentro al verde, per via della vegetazione che il vento mantiene bassa, per le costruzioni ancora discrete (e speriamo che si mantengano tali) che punteggiano il paesaggio senza stravolgerlo, caratterizzate dalle cupolette bianche di calce: i dammusi.

Amiamo quest'isola per via delle sue vigne. Senza pali, senza fili, senza spalliere, la vigna di Pantelleria è vigna primordiale, sembrerebbe quasi selvaggia e spontanea se questi alberelli, che appena spuntano dalla loro fossa interrata, non fossero così regolari. Ciuffi di foglie protetti dal terreno sabbioso rendono il paesaggio unico.

L'altopiano di Mueggen è il miglior esempio del genere, un gigantesco “orto” di viti, arato non dagli animali o dagli attrezzi ma dalla mano dell'uomo che nei secoli ha disegnato con il sudore e il lavoro le migliaia di chilometri di questi muretti a secco, dei terrazzamenti, le curve e le pieghe di questo incantevole paesaggio.

La mancanza di sorgenti e le cisterne per conservare l'acqua piovana.

Il vino è da sempre protagonista dell'isola, ma i veri problemi sono sempre venuti dall'acqua. A risolverli con incredibile sagacia sono state le diverse civiltà che si sono succedute nell'isola, prima fra tutte i fenici. Il loro sistema di cisterne e canalizzazioni per raccogliere, non disperdere e conservare l'acqua piovana, non solo è mirabile, ma estremamente efficiente.
I fenici hanno disseminato l'isola di centinaia di cisterne vetrificate con pasta di cocci e ossidiana. Un sistema che ha permesso la sopravvivenza della popolazione, il diffondersi dell'agricoltura e che funziona perfettamente anche oggi.

Negli ultimi decenni la tecnologia è venuta incontro al problema e l'impianto di desalinizzazione dell'acqua marina rappresenta certo uno dei più significativi cambiamenti alla vita dell'isola, permettendo una forte presenza di turismo estivo senza troppi problemi, ma le cisterne funzionano ancora e in alcune zone più remote dell'isola sono sempre loro il cardine essenziale per mantenere vivo il tessuto agricolo originale.

Pantelleria è un'isola di agricoltori dove al mare si preferisce la terra, dove la strada perimetrale passa in genere alta e lontana dalla costa, e i pochi (e brutti in genere) alberghi, salvo poche eccezioni sono nei centri abitati o a mezza costa.
Qui ancora i dammusi si disperdono nel verde e raramente arrivano a mare, e l'agricoltura rimane più importante della pesca.

Uno dei piatti più amati è il coniglio e soprattutto le mille verdure che gli orti offrono nelle varie stagioni. Verdure che per la poca acqua crescono a fatica, ma sono cariche di sole e sapore. Provate i piatti tipici, ma non tanto i crostacei e la cernia (peraltro squisita) , ma il coniglio, e meglio ancora la “sciakisciuka” un misto caldo di verdure cotte al forno, il “cucurumma” a base di zucchine e così via.

L'Ossidiana ha fatto per millenni la fortuna di Pantelleria. Roccia dura a spigoli vivi, nera e spesso translucida, è stata la materia prima degli utensili di lavoro per millenni.
Oggi queste pietre segnano per migliaia di chilometri i campi, ne definiscono i percorsi e i confini, le migliaia di appezzamenti. La proprietà è frazionata al massimo, ogni contadino ha il suo orto, il suo vino, nato come alimento per le stagioni fredde.

Posizione del Resort La casa dei fiori e mappa

Respirerai l'atmosfera di casa e sarai immerso nella rigogliosa natura di Pantelleria

Composto da 4 dammusi indipendenti, inseriti in un incantevole e vasto giardino con piscina vista mare, il Resort La casa dei fiori di Pantelleria è il luogo ideale per le tue vacanze sull'isola di Pantelleria.